Donazione di seme

Home/Donazione di seme
Donazione di seme 2017-07-21T12:13:03+00:00

Donazione di seme

La donazione di seme è un modo semplice per far fronte ad avere un figlio quando il padre futuro non ha spermatozoi nel liquido seminale o è portatore di malattie genetiche o ereditarie che possono venire trasferite ai figli.

La donazione di seme si segue anche da donne che non hanno un partner e vogliono avere un figlio. La procedura è legale secondo la legge greca.

Come viene realizzata

Alla donazione di seme, un uomo dà il suo seme -il prodotto cioè di eiaculazione- al fine di aiutare una donna o una coppia per avere un figlio. Il seme viene congelato per almeno sei mesi. Il donatore viene ricontrollato sei mesi dopo il congelamento e se si verifica sano, il seme può essere utilizzato. Il seme può essere iniettato nella cavità uterina di una donna con il metodo di inseminazione (IUI) oppure essere utilizzato per la fecondazione degli ovuli in laboratorio, la fecondazione in vitro (IVF).

Secondo la normativa vigente il donatore di seme è anonimo al destinatario e prima di andare alla donazione deve essere controllato per varie malattie e fattori di rischio, oltre che di avere esserci informato sui problemi emotivi o psicologici che possono sorgere.

Il motivo principale della donazione dovrebbe essere per ragioni altruistiche, vale a dire il donatore vuole aiutare una donna che non ha partner o una coppia che affronta problemi di fertilità e non può procreare.

Secondo la legge attuale, la banca di seme può compensare il donatore con una somma (definita dalla legge) per qualsiasi perdita finanziaria che può essere verificata a causa del tempo che è disponibile per la donazione di sperma, ma anche per che le spese relative sostenute. In nessun caso, tuttavia, la quantità di denaro ricevuta dal donatore non può essere il motivo principale della donazione.

Dopo aver preso la decisione che vuole diventare un donatore, il candidato donatore deve sottoporsi a una serie di esami per verificare se procedere per completare il processo. Si raccomanda agli uomini che diventeranno donatori di seme essere testati per le seguenti:

  • Età

Le più numerose banche del seme hanno fissato l’età 18 a 39 anni e alcune a 34 anni.

  • lo stato psicologico

è necessario l’ esame psicologico del donatore da un professionista della salute mentale per escludere persone che possono essere affette da malattie mentali.

  • l’esame del seme

Il seme viene esaminato prima della donazione . Un prerequisito per la raccolta di seme è l’astensione sessuale del donatore di 2-5 giorni, e poi analizzato nel laboratorio controllando la quantità, il numero e la mobilità degli spermatozoi. Ogni campione deve contenere più di 15 milioni di spermatozoi per millimetro, di morfologia normale, e di mobilità al 40% al fine di aumentare le possibilità di donatore ad essere fertile.

  • anamnesi

L’anamnesi personale del donatore è molto importante per verificare se esiste qualche malattia ereditaria, che così finisce di continuare il processo. In ogni caso l’anamnesi personale dovrebbe fornire ulteriori informazioni sulla anamnesi familiare di due generazioni precedenti.

  • Esami

Facendo degli esami speciali al donatore viene confermata la sua buona salute completando il processo di controllo e l’esclusione dei seguenti malattie trasmissibili:

  1. Epatite B (HBsAg)
  2. L’epatite C (HCV)
  3. AIDS (HIV I-II)
  4. La sifilide (RPR)

Se si vuole essere un donatore, a intervalli regolari, questi test dovrebbero essere ripetuti ogni 6 mesi e riferire anche se ha notato un cambiamento nel suo stato di salute.

  • I test genetici

Un campione di sangue viene analizzato per verificare se il donatore è un portatore di una malattia genetica come la fibrosi cistica e talassemia. Ulteriori test possono essere effettuati in base alla anamnesi familiare, razza o etnia. Afro-americani, ad esempio, rischiano di essere testati per l’anemia falciforme. La maggior parte delle banche di seme escludono i donatori che possono essere ad rischio elevato di trasmettere una malattia genetica. Inoltre, i donatori sono sottoposti a un controllo del cariotipo per verificare che cromosomicamente non esiste alcuna malattia.

  • anamnesi individuale e sessuale

Il donatore deve anche fornire una anamnesi dettagliata di attività sessuale, e informazioni personali che possono essere correlate ad alcuni abitudini, l’educazione e gli interessi.

Se durante una prova di controllo è indicativa della presenza di una malattia, il donatore viene escluso dal processo di donazione di seme (cioè non può essere donatore di seme) e viene informato per curare la malattia.

Il processo della donazione

La donazione del seme avviene all’interno della banca del seme in uno speciale, spazio privato, in cui il seme è raccolto dal donatore nel contenitore sterile. In seguito viene congelato e rimane depositato senza essere utilizzato per sei mesi, prima che il donatore essere controllato per le malattie infettive nuovamente e verificare che non vi sia una tale trasmissione di malattie. Poi il seme può, quando necessario, essere scongelato e utilizzato. La legge definisce il numero massimo di bambini che possono essere nati con il seme del donatore stesso e sono dieci bambini sul territorio greco.